Casette fatate con le bottiglie della Coca Cola

Avete mai pensato di costruire un castello o una casa incantata per i vostri bambini? Oppure per voi, per arredare il giardino e il terrazzo con un po’ di magia e di bellezza. Eccovi allora un bel progetto, molto più facile da realizzare di quello che pensereste. Guardate un po’!

Parliamo spesso di riciclo e dell’importanza di diventare più responsabili soprattutto nell’utilizzo di alcuni materiali, come la plastica per esempio. Consumiamo quantità industriali di plastica, spesso dimenticandoci dell’enorme danno che questo materiale rappresenta per l’ambiente. Chi ha un animo particolarmente creativo, però, sa bene che la plastica molte volte può diventare un prezioso alleato, una base di partenza per costruire qualcosa di creativo.

Il progetto che vi presentiamo oggi ha un altissimo tasso creativo ed è frutto dell’incredibile talento di una mamma americana che su sul blog ha cominciato a postare i video delle sue creazioni a partire dalle vecchie bottiglie della Coca-Cola. Non sappiamo se questa mamma è anche un’artista, ma quello che è certo è che si è inventata il modo per rendere accessibile a chiunque un progetto simile per realizzare qualcosa di unico nel suo genere, che difficilmente si trova nei negozi.

Il risultato è strabiliante; a partire da una semplice bottiglia di plastica, con qualche strumento utile per il bricolage, si può costruire una casetta fatata, un piccolo castello, e anche la casetta dei mitici Puffi.

Il progetto è stato pensato soprattutto per i piccini, ma anche i grandi non disdegneranno dato. l’incredibile risultato finale. In ogni caso, questi lavori manuali sono perfetti per cominciare a insegnare ai bambini, fin da piccoli, l’importanza del riciclo e delle attività manuali.

Ma vediamo come fare per realizzare questo progetto creativo. Partiamo dall’occorrente che serve:

  • Bottiglie di plastica di diverse dimensioni (in base al tipo di progetto che volete realizzare)
  • Colla a caldo
  • Pasta modellabile
  • Carta stagnola
  • Pennarello nero
  • Coltello o taglierino
  • Pennelli
  • Colori

Come realizzare il progetto

Se è la prima volta che vi cimentate in un lavoro di questo tipo, il nostro consiglio è quello di realizzare prima uno schema di quello che sarà il vostro risultato finale, o meglio di quello che avete intenzione di realizzare. In questo modo avrete più chiaro come procedere e quali saranno i passaggi da seguire.

A questo punto, prendete la carta stagnola e cominciate a modellarne i piccoli pezzi per ottenere le varie parti del castello o della casetta che volete creare. Per esempio, la carta stagnola può servire per realizzare le guglie e le punte del castello, oppure potrà servirvi per disegnare i contorni del portone d’ingresso. Insomma, non esistono regole, solo spazio alla creatività. Per seguire i contorni in modo impeccabile, potete disegnarli in precedenza con un pennarello nero. Ricordatevi di fissare le parti che andrete a creare con la stagnola con la colla a caldo.

Il secondo passaggio è l’assemblaggio con la colla a saldo delle diverse bottiglie. Saldate le varie parti del vostro castello con la colla e lasciate riposare per qualche ora per essere sicuri che la colla si sia asciugata per bene prima di procedere. Adesso, arriva la parte più bella della faccenda.

Quello che dovrete fare, per dirla in modo molto semplice, altro non è che ricoprire tutto il vostro blocco con la pasta modellabile. In questo caso, è stata utilizzata la pasta modellabile, ma in realtà potete utilizzare qualsiasi altro materiale sia per voi più comodo, anche l’argilla se preferite, purché sia quella naturale e non secca perché altrimenti si creerebbero quelle piccole crepe pronte a rovinare in pochi secondi il vostro lavoro.

In genere, si lavora su due strati. Il primo strato serve a coprire tutte le parti di plastica della bottiglia, mentre il secondo serve a scolpire i dettagli del vostro lavoro sulla pasta. Quando avrete finito di applicare anche il secondo strato del materiale, potrete cominciare con la parte più creativa in assoluto.

Con un taglierino, o un semplice coltello se siete più comodi, cominciate a definire la superficie della vostra creazione; evidenziate le finestre, creare delle grinze per evidenziare il legno del portone d’ingresso, creare il ballatoio del balcone. Insomma, anche in questo caso non esistono limiti; potete fare ciò che volete, come volete e quante volte volete.

Quello che conta è lavorare la pasta non appena l’avrete fissata alla plastica; non tentennate troppo con i lavori d’intaglio, altrimenti correrete il rischio che, nel frattempo, la pasta si sarà asciugata. La struttura deve essere lasciata riposare alla fine, quando avrete terminato tutti gli interventi strutturali (in questa fase potete aggiungere anche degli elementi utilizzando sempre la carta stagnola e la colla, se volete). Qualche ora per lasciare asciugare tutto andrà benissimo.

A questo punto siete, quasi, pronti per iniziare a dipingere la vostra casetta, o il vostro castello, con i colori che più vi piacciono. Meglio passare prima uno strato di vernice fissativa, per essere sicuri che il colore non verrà assorbito dalla pasta modellabile. Per dipingere potete utilizzare vernici colorate di qualsiasi tipo, ma anche acquerelli e pitture lavabili. Le sfumature del colore sono importantissime in questa fase ed è qui che emergerà la vostra vena artistica.

E infine, per dare il tocco finale alla vostra creazione, se avete ritagliato lo spazio delle finestre e avete così ottenuto una struttura concava, potete realizzare un effetto realistico per le finestrelle inserendo all’interno del buco una piccola luce.

Insomma, per chi non ha mai realizzato un progetto del genere, o per chi non ha mai preso in mano della pasta modellabile, questo lavoro può sembrare qualcosa di impossibile da realizzare. Ma vi assicuriamo che, con un po’ di buona volontà, tanto impegno e manualità si possono raggiungere davvero dei risultati molto belli.

E non buttatevi giù se le prime volte il risultato non è quello che vi aspettavate: è normale che sia così soprattutto quando ci diamo da fare per realizzare progetto con un alto tasso di manualità. Il trucco è tentare, provare e riprovare di nuovo. Sarete ripagati quando avrete creato qualcosa di speciale e di magico per i vostri bambini. Non ci sono limiti ai colori, alle forme che vorrete creare e alla tipologia di struttura che volete creare. E se avete qualche dubbio o siete indecisi sul da farsi, chiedete ai vostri bambini: loro avranno le idee chiarissime e sapranno sicuramente cosa consigliarvi! Allora cosa fate? Ci provate?

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.