Skip to main content

Non solo: il nocciolo è utilizzato per consolidare i terreni soggetti a franare, per colonizzare i terreni nudi ed è quindi presente in tutta Italia sia in pianura che fino a 1.600 metri di altitudine. Si tratta di una pianta che accompagna la vita dell’uomo da tempi immemorabili, i cui frutti entrarono a far parte dell’alimentazione molto prima di noci e castagne. Inoltre ha sempre dominato il panorama del nostro Paese, perché facile a diffondersi, resistente e tenace. Infine il nocciolo è una delle piante più resistenti a tutti i tipi di malattie che si possono manifestare in altre specie.

Caratteristiche del nocciolo

forma

Se coltivato come fusto unico, come accade ancora in campagna, il nocciolo assume subito l’aspetto di un arbusto di piccole dimensioni, con una chioma densa e globosa, che può andare da 1,5 metri a 4 metri di diametro, molto ricca di foglie. Crescendo il nocciolo a fusto unico diventa un piccolo albero, che può raggiungere i 7 metri di altezza, il quale può donare un’ombra fresca ma anche luminosa. Normalmente però viene coltivato con l’intera ceppaia, e forma cespugli con diversi fusti a portamento eretto.

corteccia

La corteccia è tipica e riconoscibile: sulla sua superficie infatti sono presenti numerose cellule dalla forma di lenti, attraversate da una fessura, molto evidenti al tatto. Il suo colore è il grigio, che può tendere al bruno o al rosso.

foglie

Le foglie sono disposte sui rami in modo alterno e hanno una forma quasi rotonda, con apice appuntito e margine dentato. Tale dentatura è sinuosa alla base della foglia, mentre diventa regolare verso l’apice.

fiori

Il nocciolo possiede fiori femminili e fiori maschili. Quelli maschili sono lunghi amenti penduli, dal colore bruno, mossi dal vento. Quando a inizio primavera iniziano a liberare il polline, i fiori maschili diventano giallastri. I fiori femminili sono meno evidenti: si tratta di gemme con stimmi rossi, fecondate per via anemofila, cioè con il polline portato dal vento.

frutti

I frutti del nocciolo sono naturalmente le nocciole: queste si trovano sull’albero già piene alla fine di luglio, ma maturano soltanto per la fine di agosto. Le nocciole non vanno raccolte prima che cadano dall’albero, perché sono buone solo a maturazione completa; la nocciola acerba perde le sue qualità organolettiche. Una volta raccolta, la nocciola deve essere privata dell’involucro fibroso in cui è racchiusa e deve essere messa in un luogo ventilato ad asciugare, al riparo dal sole. Le nocciole si formano in gruppi di 2 o 4 frutti, è molto raro che si presentino in forma singola. La forma della nocciola distingue le varie specie: il nocciolo italiano ha un frutto tondeggiante, quello orientale invece ha un frutto allungato. Inoltre esistono varità ornamentali con altri frutti sempre buoni; ma esistono anche qurlli penduli con i rami contorti e con le foglie rosso purpureo, come il Corylus maxima atropurpurea.

radici

Le radici formano un apparato molto rigoglioso ed espanso, anche se non tanto profondo, una sorta di maglia di radici piuttosto grande. Le radici del nocciolo hanno una grande capacità di produrre polloni: i polloni se riescono a svilupparsi, possono arricchire il ceppo della pianta dandogli a lungo andare un aspetto sferico. I polloni possono poi essere separati dalla pianta madre per dare vita a nuovi alberi.

crescita e vita del nocciolo

Il nocciolo cresce molto rapidamente e verso i 40 anni finisce la sua espansione. Anche gli esemplari più longevi e rari non superano i 70 anni di vita.

A cosa può servire il nocciolo

Il nocciolo può ricoprire molte funzioni in un giardino:

  • Può formare cespugli isolati e risaltare con la sua chioma globosa
  • Può formare siepi informali, anche miste, per dividere la proprietà dall’aperta campagna
  • Può consolidare i terreni in pendenza, specie all’inizio dei terrazzamenti
  • Può costituire insieme ad altri noccioli un frutteto familiare: in questo caso tra una pianta e l’altra devono correre almeno 5 metri sulla stessa fila, e anche fra più file
  • Dà frutti gustosi, nutrienti e utili per tante ricette in cucina.

Esposizione

Il nocciolo necessita di terreni esposti al sole oppure in semiombra, meglio se con la luce filtrata dai rami di altre piante. L’esposizione al vento una volta cresciuto non lo spaventa, in quanto il suo legno è resistente ed elastico per natura. Occorre però fare attenzione al fatto che questa è sì una pianta resistente a gelate, freddo e nebbia, ma che le gelate tardive possono danneggiarne la produzione, causando anche la perdita dei frutti. Dall’altra la siccità può creare uno sviluppo alquanto modesto della pianta.

Irrigazione

Il nocciolo deve essere innaffiato ogni qualvolta si è in un periodo di siccità oppure quanto le precipitazioni piovose scarseggiano: il terreno in questi casi tende a seccarsi e l’apparato radicale del nocciolo, non molto sviluppato in profondità, non riesce a procurarsi l’acqua necessaria da solo. Per le piante nei primi due anni di vita è bene irrigare due volte alla settimana con 10 litri d’acqua ogni volta.

Terreno

Il nocciolo si adatta solitamente a diversi tipi di terreno, ma preferisce suoli freschi, profondi e sciolti, ben drenati, come quelli che caratterizzano normalmente la collina. Il nocciolo però può crescere anche in terreni compatti e ricchi di argilla. Per aiutare la pianta, ogni due mesi occorrerebbe effettuare una erpicatura leggera nel terreno, a mezzo metro almeno intorno alla ceppaia del nocciolo; questo serve per arieggiare il terreno, controllare le erbe infestanti e favorire lo sviluppo delle radici.

Come si pianta il nocciolo

Per piantare il nocciolo serve una buca di 80 cm di profondità e 80 cm di lato. Occorre poi rimuovere i detriti sassosi e in seguito miscelare il terreno con terriccio di bosco, letame, sabbia, sempre che in partenza esso sia argilloso o particolarmente povero. Si mette a dimora in autunno o in primavera.

Concimazione

Il nocciolo deve essere concimato in primavera, tramite un prodotto granulare a lenta cessione da interrare con l’erpicatura. In autunno va comunque somministrato letame maturo.

Nocciolo per la fauna

Il nocciolo è una pianta molto gradita alla fauna selvatica: se si lasciano alcuni frutti a terra, essi attireranno roditori come ghiri, scoiattoli, arvicole, moscardini e topi di campagna. Non solo: anche grandi uccelli come loa gazza, il picchio o la ghiandaia si nutrono volentieri di nocciole.

Come si semina il nocciolo

Il nocciolo si diffonde facilmente e velocemente. Le nocciole mature, integre e sane si seminano in autunno. Prima però occorre tenerle immerse 2 giorni in acqua fredda, con sabbia, terriccio di bosco e torba. Di regola 3 nocciole vanno seminate per ogni vaso da 20 cm di diametro. Al secondo anno di coltivazione le nocciole vengono poi trapiantate direttamente nel terreno, durante la primavera. Altrimenti si può procedere alla semina primaverile dopo aver stratificato i frutti nella sabbia. La semina in ogni caso non darà mai esemplari identici alla pianta madre.

Cippatura e potatura

La cippatura può essere totale, per rinnovare interamente la vegetazione, e avviene ogni 7 o 10 anni; oppure può essere parziale, semplicemente per ringiovanire i cespugli, e avviene ogni 3 o 4 anni. Con la potatura invece si eliminano i rami secchi, i succhioni troppo vigorosi e i rami troncati. I germogli dell’anno precedente possono essere tagliati a metà per stimolare la produzione di una nuova vegetazione. Quando la fioritura è terminata, prima della caduta degli amenti, si eliminano i rami sterili e quelli vecchi, in modo da favorire una fruttificazione abbondante.

Moltiplicazione dei noccioli

I polloni radicali, cioè quei cespugli attaccati alla base e numerosi in una pianta sana, si possono scalzare in autunno, per poi essere rincalzati con terra fertile a ricoprire l’apparato radicale. La tecnica della margotta si può applicare a rami flessibili e giovani, periferici rispetto alla pianta, da interrare in primavera: essi si separano dalla pianta centrale a fine autunno o a inizio primavera. La riproduzione per talea avviene per i rami di un anno lignificati già in parte, che devono essere posti in agosto in un composto di sabbia e torba in parti uguali, da mantenere umido ma non inzuppato.

Nocciole

Le nocciole sono frutti oleosi che presentano un’elevata concentrazione energetica, con circa 600 calorie per ogni 100 grammi di nocciole. Ha un gusto molto burroso, dovuto alla percentuale di grassi molto alta, pari al 58%, e alla presenza massiccia di zuccheri e proteine, per il 5 e il 15%, che ne garantiscono le ottime proprietà nutrizionali. Le nocciole apportano potassio, fosforo e magnesio, che combattono sindromi di stanchezza e stress e aiutano a mantenere un metabolismo veloce. Consumate a fine pasto o come aperitivo, le nocciole aiutano a mantenere il peso o a recuperarlo. Se tostate hanno un gusto molto esaltato e risultano più digeribili. La cuticola amara interna al guscio si può eliminare facilmente mettendo le nocciole in forno a 200°C per un minuto, per poi passarle tra le mani o in un canovaccio.

Perché il sapore delle nocciole si mantenga buono, esse devono essere conservate in cantina, sul balcone o in frigorifero, quindi in un luogo fresco. Le nocciole però vanno servite a temperatura ambiente, poiché se fredde risultano meno saporite. Stratificare le nocciole in sabbia umida è un metodo sempre valido, anche se tradizionale, per conservarle; tuttavia è preferibile consumare tutte le nocciole prima della fine di febbraio. Altrimenti si possono anche surgelare una volta sgusciate.

Le nocciole migliori da acquistare sono quelle delle Langhe e le avellinesi; cerchiamo sempre di scegliere nocciole di provenienza certificata. Possono essere felicemente utilizzate per creare creme, gelati, torroni, torte, croccanti e semifreddi: con le nocciole si cucinano la maggior parte delle ricette di dolci più conosciute, anche la Nutella è a base di nocciole ad esempio.

Consigli per l’acquisto di un nocciolo

Per acquistare una pianta di nocciolo, occorre controllare alcune sue caratteristiche per assicurarci di comprare una pianta sana, senza problemi.

  • Il nocciolo deve essere alto 150-180 cm, presentare molti rami ben eretti senza le ginocchiature, e deve avere gemme piene.
  • Le foglie devono essere senza macchie, lunghe e larghe quasi 10 cm e colorate di un giallo chiaro, cordate, con l’apice arrotondato e il margine dentato.
  • I fiori sono raccolti in amenti penduli gialli e devono essere lunghi circa 6 cm.

31 Comments

  • germano ha detto:

    le nocciole da mettere nei vasi per la semina servono fresche o vanno bene anche quelle del supermercato?????????

  • emilia ha detto:

    Ho un nocciolo a foglia rossa piantato circa 10 anni fa che fa un buon lavoro in giardino…ombra e nocciole. Ora inaspettatamente ha cominciato a seccare, perdendo moltissime foglie e sembra destinato a perderle tutte.
    Quale può essere la causa? come cercare di salvarlo?
    PS.: abito al nord a 500 m di altezza.
    Attendo una gradita risposta. cordialità e.

  • zucchi fabio ha detto:

    ci sono particolari problemi per i materiali impiegati per la triturazione, lo schiacciamento delle nocciole sgusciate? l’acciaio inox AISI 304 deve avere qualche protezione o può essere utilizzato tal quale?
    grazie anticipatamente
    zucchi

  • elisabetta ha detto:

    Ciao,
    mi hanno regalato un mazzo di fiori con un nocciolo contorto, l’ho messo in acqua insieme ai fiori… e lui…
    ha iniziato a germogliare, ora è pieno di foglioline alcune già lunghe altre appena nate, le radici sono lunghissime, cosa devo fare? interrarlo?

  • elisa ha detto:

    io dovrei sradicare un nocciolo alto quasi due metri nel mio giardino,come devo fare se volessi farlo da sola??

  • davide ha detto:

    ho 2 bei noccioli, ma son 3 anni che non ne riesco ad assaggiare 1 di nocciola in quanto degli scoiattoli si riempiono le tane ancora prima che maturano… come posso fare a tenerli lontani? che mi rimanga almeno 1 pianta x me!!!

  • paolo ha detto:

    articolo sul nocciolo molto interessante.
    visto che avrei interesse a piantare per prova qualche nocciolo.nel mio gardino
    di montagna ( 1200 mt altezza).
    A chi mi posso rivolgere per acquistare delle piantine ???
    grazie
    revolti paolo

  • giuseppe bagarotti ha detto:

    gli scoiattoli mangiano tutte le nocciole prima che io possa raccoglierle, cosa posso fare per salvaguardare la produzione?

  • roberto baggi ha detto:

    gli scoiattoli mangiano tutte le nocciole prima che io possa raccoglierle, cosa posso fare per salvaguardare la produzione?
    Attendo una gradita risposta. cordialità

  • maurizia ha detto:

    Salve vorrei avviare una piccola coltivazione di nocciole però vorrei avere qualche informazione sui costi di produzione e di guadagno .Grazie

  • Alberto Rutili ha detto:

    buona informazione complessiva, grazie, da profano che vorrebbe….

    vorrei sapere se una piccola coltivazione a circa 250 mt di altezza, possibilità irrigazione, terreno dove vivono castagni tutto intorno, estensione circa mezzo-1 ettaro a terrazze, provincia Massa-Carrara, potrebbe avere sbocco commerciale o soltanto per famiglia, ecc.

    e se conviene partire con alberelli (e quale qualità) oppure con le nocciole, come descritto nell’articolo.
    grazie

  • salvo ha detto:

    ho un terreno di circa 10000metri quadrati vorrei realizzare un noccioleto magari con piantine micotizzate quanto mi costerebbe e quanto potrebbe produrre,il terreno è pianeggiante a circa 650m dal livello del mare grazie in anticipo cordiali saluti

  • luigi ha detto:

    La nocciola migliore per qualità organolettiche è la Gentile Tonda Romana, per la lavorazione ossia facilità di togliere la cuticola abbiamo quella delle Langhe, la Gentile Tonda Romana ed infine il Giffone prodotto nel sud Italia.

  • giovanni d'avanzo ha detto:

    per qualsiasi informazione sulla lavorazione del nocciolo sono a vostra disposizione 3483545836

  • Sara ha detto:

    In giardino ho uno splendido nocciolo, col fusto corto, perchè tagliato dal mio papà.
    Ha le foglie molto lisce, belle e morbide!! 🙂

  • Rossella ha detto:

    Salve, ho un albero di noccio da diversi anni, ho mangiato le nocciole fino all’anno scorso e ora con stupore mi accorgo che ha fatto le ciliegie comè possile??
    Premetto che a qualche metro di distanza ho due alberi piantati da tre anni di ciliegie ferrovia.

  • Giovanni D'Avanzo ha detto:

    Vendo coltivo e lavoro piante e frutto di nocciola per qualsiasi informazione questo è il mio numero 3483545836

  • Fernando ha detto:

    Ho un nocciolo che mi fa i frutti ma all’interno sono”vuoti”.. Perché? Grazie.

  • Giovanni D'Avanzo ha detto:

    Ciao a tutti. volevo dirvi grazie per le tante chiamate e il lavoro che ci offriamo entrambi. volevo dirvi che il mio numero è cambiato:3274077076. per qualsiasi informazione sulla lavorazione coltivazione e raccolta della nocciola sono sempre disponibile in tutta italia!!!

  • Gianfranco ha detto:

    buon giorno sono Gianfranco vi scrivo da Cagliari, abito circa 2 km dal mare,mi sono state regalate 3 piante di nocciole, che ho trapiantato nel mio giardino circa da 7 anni,sono rimasto deluso perche quando fanno i frutti ne colgo solo che 4 ho 5 per pianta, le curo le innaffio non faccio mancare alle mie piante, potete darmi dei consigli in modo che possa raccogliere i miei frutti ,…………………cordiali saluti….Gianfranco……Grazie

    • Giovanni Lattanzi ha detto:

      Per Gianfranco. Potrebbe trattarsi di una questione climatica o di terreno. Difficile dare una spiegazione senza poter vedere piante e luogo.

  • luigina ha detto:

    le nocciole sono dannose alla salute o ne possiamo mangiare tipo 10 kg al giorno ( solo per rendere l’idea ) ?
    vorrei tanto saperlo per la salute di mio zio che ne mangia circa 15 bicchieri al giorno … cosa dovrei dirgli ? di smettere o che le può mangiare anche 20 tonnellate al giorno ? per favore rispondetemi …

  • Monica ha detto:

    Buonasera! In genere raccolgo le nocciole che cadono nel mio giardino dall’albero del vicino. Oggi passeggiando ho trovato un nocciolo nel parco di un condominio. Ne ho raccolta qualcuna ma presenta forma diversa rispetto a quelle che raccolgo di solito. Dalle immagini di internet mi sembrano mortarelle. Quindi volevo chiedervi: esistono nocciole velenose o dannose?

  • Leonardo Dimora ha detto:

    Nocciolo splendido, per anni ha prodotto tantissime nocciole grandi e ben formate. Questo anno 2016 produce nocciole tutte vuote. cosa devo fare per eliminare l’inconveniente per il prossimo anno. Grazie. Leonardo Dimora

  • Arrigoni ha detto:

    Ho due piante di nocciolo, una tonda e l’altra allungata, il prodotto è sempre stato ottimo da oltre dieci anni. Quest’anno, 2016, hanno prodotto molte nocciole, la maggior parte vuote ed altre nere avvizzite ed amare.
    E’ necessario intervenire? Se si, come?
    Grazie, cordiali saluti. Arrigoni

  • gasperini augusto ha detto:

    ho avuto nel mese di fine aprile un abbassamento delle temperature di circa 2 gradi e ho visto che le foglie delle nocciolo erano diventate secche visto che ne piantate 2500 piantine messe 2 anni fa come posso intervenire per ricuperare aiutatemi.

  • daniela.bava ha detto:

    Nocciolo splendido, è da 5 anni che l’ho piantato l’anno scorso ha prodotto tantissime nocciole grandi e ben formate. Questo anno 2017 ha prodotto nocciole tutte vuote. Da cosa può essere causato ma soprattutto cosa devo fare per evitate questo inconveniente per il prossimo anno. Grazie.
    Daniela bava

  • Ignazio ha detto:

    Buo giorno. Ho un nocciolo a frutti tondi. Ha 18 anni e gia nel 2017 i frutti sono caduti tutti prima della maturazione. Nell’autunno 2017 ho eliminato i rami più vecchi e lo ho ridotto in altezza ma con dispiacere vedo che anche questo anno stà perdento i frutti. Cosa posso fare? Grazie a chi mi vorrà aiutare.

  • Graziella ha detto:

    Buongiorno, ho due noccioli in un orto con servitù di passaggio vorrei spostarli e’ possibile farlo?
    Grazie

  • Graziella ha detto:

    vorrei spostare due noccioli? e’ possibile e se si quando e’ opportuno farlo?

    .non vi ho mai scritto ma ho notato che l’ha chiesto qualcun altro . Ovviamente non posso leggere la risposta.
    Grazie! Graziella

Scrivi una risposta

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.