CREARE 8 APPENDIABITI ORIGINALI E ALTERNATIVI

I dettagli fanno la differenza, anche per quel che riguarda l’arredamento di casa. Se siete di questo parete e vi piace scovare piccoli accessori capaci di donare un tocco alternativo e originale dentro casa, ecco una serie alternativa di appendiabiti per la casa. Hanno uno stile insolito e accattivante, giocano sulle forme e sui colori più stravaganti e alcuni sono facilmente realizzabili con le più tradizionali tecniche di fai da te. Rivoluzionare l’anonimo Quanti di voi hanno mai pensato agli appendiabiti come oggetti di design, modo per completare l’espressione artistica – se così vogliamo – dell’arredamento di casa nostra? Quanti

I dettagli fanno la differenza, anche per quel che riguarda l’arredamento di casa. Se siete di questo parete e vi piace scovare piccoli accessori capaci di donare un tocco alternativo e originale dentro casa, ecco una serie alternativa di appendiabiti per la casa. Hanno uno stile insolito e accattivante, giocano sulle forme e sui colori più stravaganti e alcuni sono facilmente realizzabili con le più tradizionali tecniche di fai da te.

Rivoluzionare l’anonimo

Quanti di voi hanno mai pensato agli appendiabiti come oggetti di design, modo per completare l’espressione artistica – se così vogliamo – dell’arredamento di casa nostra? Quanti hanno mai visto una funzione diversa in loro oltre a quella pragmatica di appendi-abiti, ovvero oggetti che servono appunto a tenere gli abiti appesi? Sicuramente, pochi di voi. E questa non è sicuramente una critica, o un’accusa anche perché l’appendiabiti tendiamo a comprarlo pochissime volte nella nostra vita, lo cambiamo solamente quando si rompe e per il resto noi e chi viene a trovarci a casa lo dà sempre per scontato, quasi sia compreso nel prezzo e nella costruzione dell’abitazione (cosa che chiaramente non risponde al vero!).

Insomma, un oggetto anonimo, esente da tutti quegli strumenti del marketing per essere venduto: per esempio il packaging – ovvero lo studio della confezione ove riporre l’oggetto nel momento in cui viene messo sullo scaffale, parte molto importante perché contribuisce a rendere appetibile un determinato prodotto – non è particolarmente ricercato. Di solito gli appendiabiti piccoli, quelli da fissare al muro stanno in confezioni di plastica trasparente con base in cartoncino, mentre quelli lunghi da terra in scatole di cartone normalissime e marrone, prive di qualsiasi appeal estetico. Gli appendiabiti sono fatti di plastica o di legno, sono monocromatici e appunto i produttori non ci puntano perché sanno che è un bisogno comune ma non repentino: qualcuno che viene a comprarlo, a meno che non adori appoggiare i cappotti sulle sedie di casa, c’è sempre.

Ma è proprio qua che ci sbagliamo! Anche un semplice appendiabiti può essere espressione del nostro essere, può far parte a pieno titolo dell’arredamento di casa, arredandolo e soprattutto con le giuste accortezze, si può far passare questi oggetti da fantasmi praticamente invisibili in casa, a oggetto in grado di attirare l’attenzione dei nostri ospiti, che potrebbero rimanere affascinati e sbalorditi e per la prima volta fare caso a qualcosa che altrimenti non notano mai. E magari potrebbero prendere spunto da voi riproponendo dei loro appendiabiti personalizzati anche nella loro abitazione.

L’importante è, come sempre, il concetto di riciclo. Non si tratta infatti di andare a spendere fior di quattrini in oggetti dal design apparentemente ricercato, ma comunque sempre in plastica e per cui quindi si paga solo il design un attimo più attento (per quanto sia possibile); ma di saper prendere degli oggetti che abbiamo in casa e che non usiamo più e di conferire loro nuova vita, nuova funzione, in maniera comoda, simpatica e soprattutto meravigliosamente gratuita!

Decorare la casa con gli appendiabiti

Tra le soluzioni più stravaganti che si possono scegliere per aggiungere un tocco originale alla casa, davvero in pochi penserebbero agli appendiabiti. Eppure, proprio questi piccoli complementi troppo spesso considerati accessori e anche un po’ anonimI, possono trasformarsi in un’occasione d’arredo davvero originale.

In alcuni casi, le soluzioni potete crearle voi stessi, utilizzando vecchi oggetti e materiali di recupero che per l’occasione possono essere trasformati proprio in appendiabiti, in altri si tratta semplicemente di andare a caccia dell’accessorio giusto per decorare le pareti della vostra casa. Ma diciamoci la verità; se vi piace il bricolage e siete soliti creare da voi complementi piccoli e grandi, nulla vi darà soddisfazione maggiore che creare qualcosa che sia completamente realizzato da voi!

Se infatti siete fan del fai da te e vi alletta l’idea di cimentarvi in progetti creativi e divertenti, gli esempi che vi proponiamo oggi fanno decisamente al caso vostro. In base allo stile del vostro arredamento, ai colori dei vostri mobili e alle vostre preferenze potete scegliere l’appendiabiti che più fa al caso vostro.

Per realizzarli, tenetevi pronti ad utilizzare gli oggetti più impensati, come vecchi arnesi da lavoro, maniglie delle porte ormai rotte, vecchi pennelli e persino le posate del servizio di cui volete sbarazzarvi. Munitevi poi di una buona dose di viti e di un buon supporto solido se volete creare una struttura portare e il gioco è fatto!

Insomma, alla creatività non ci sono davvero limiti; tutto si può realizzare e il risultato sarà davvero sbalorditivo, con il valore aggiunto di aver realizzato qualcosa di davvero originale e personalizzato. Provare per credere! Vediamo allora questi otto modi di creare degli appendiabiti accattivanti, simpatici e curiosi!

Appendiabiti del pittore

Amanti dell’arte, del design, della pittura in particolar modo al punto che adorate anche dipingere le pareti di casa offrendovi di pitturare anche quelle di vostri amici in caso di bisogno? Allora sicuramente periodicamente cambierete i pennelli per prenderne di nuovi in modo da non fare mai un lavoro sbagliato. Ma non buttate via quelli vecchi! Approfittate infatti del fatto che hanno per fabbricazione un foro all’estremità del manico per appenderlo al muro e aiutandovi con del vinavil o comunque con del collante date una forma ad uncinetto alle spatole e una volta asciutte saranno abbastanza dure e resistenti per non cedere al peso degli abiti!

 Appendiabiti animaleschi

Avete diversi animali di plastica di quando eravate piccoli o di quando i vostri figli erano piccoli? Senza buttarli (visto che sono di plastica e, come sappiamo, la plastica inquina) rimuovete loro la testa e dipingeteli del colore che preferite, magari in contrasto o a tono con il colore della vostra parete e poi usateli per appenderci borse, cappelli, cappotti e quant’altro!

Appendiabiti con le freccette

Sì, anche le freccette – quelle da gioco, naturalmente – si prestano ad essere riutilizzate come splendidi ed originali appendiabiti. Potete anche sceglierle di dipingerle dello stesso colore del muro o sempre a contrasto, o anche lasciandole del loro colore originale per qualcosa di più rustico e urban style (forse stiamo esagerando…!) e poi saldarle al muro operando dei piccoli fori. Mettetene diverse, anche in maniera alternata tra di loro perché naturalmente non potranno sostenere più di un certo peso.

Appendiabiti con le chiavi inglesi

Ora di prendere delle chiavi inglesi nuove, magari un po’ più resistenti e meno di latta? Molto bene, ma anche in questo caso vale lo stesso monito di non buttarle ma di appenderle al muro con delle viti – approfittando dei fori che hanno – e poi aiutandovi con un martello, con la mano insomma con qualcosa che controbilanci il peso deformandole facendo ottenere loro la forma ad uncinetto, che serve appunto ad appendere gli abiti. Loro vantaggio è che sono molto resistenti, e quindi sopportano un peso molto più grande rispetto agli oggetti suggeriti finora.

Appendiabiti con le teiere

Ereditare tutta l’immensa oggettistica della nonna è sempre un problema, perché le nonne tendono a tenere tutto senza buttare nulla e alla fine ci si ritrova con un ammasso infinito di servizi di ceramica di cui non si sa che farsene – anche perché ai nostri occhi non sono mai troppo belli, e notiamo tutti i segni del tempo. Avete quindi ereditato l’ennesima teiera bianca anni 40? Aiutandovi e facendo attenzione dividetela a metà e appendete entrambe le parti al muro: in una potete usare l’imbuto che fa fluire il tè nella tazza come appendiabiti; nell’altra direttamente il manico. L’effetto è assolutamente hipster e diverso dal solito! Molto Instagram potremmo dire.

Appendiabiti col mattarello

Divisione a metà che vale anche per i mattarelli, per qualcosa sempre dall’effetto wow su Instagram! Tra le cose della nonna senz’altro ci sarà anche il suo fido mattarello, che lei non ha mai voluto cambiare ma che insomma mostra evidenti segni che il suo tempo è ormai passato. Proprio perché costituito da due manici, se lo dividete a metà (o li dividete qualora ne abbiate più di una) ci ricaverete particolari e originali appendiabiti!

 Appendiabiti con le vecchie manopole della porta

Avete presente gli appendiabiti tipici delle classi a scuola, quelli tondi e brutti? Ecco in questo caso non si deve fare altro che ricrearli dal momento che le vecchie manopole della porta sono rotonde, ma in maniera nettamente più bella, originale e accattivante. In base a quante ne avete potete fare una bella striscia di appendiabiti in modo da non avere intralci quando ospitate qualcuno!

Appendiabiti con le posate

E tornando al discorso delle eredità della nonna, non mancheranno sicuramente delle posate magari di ottone o d’argento, anche in questo caso palesemente segnate dal tempo. Ma rendendole degli appendiabiti, vi divertirete un mondo perché soprattutto con le forchette potete sbizzarrirvi a creare delle “pose” che di solito si fanno con le dita delle mani. Il gioco è lo stesso delle chiavi inglesi: appendetele al muro praticando un foro e poi piegatele (non è difficile, il materiale delle posate è molto leggero e ha poca massa) per conferire la forma ad uncinetto!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.